Centro di documentazione

"Dokumentationszentrum Reichsparteitagsgelände"

Ancora oggi, in quella che fu l'area utilizzata per ospitare i congressi di partito a sud di Norimberga, giganteschi resti architettonici rendono testimonianza della megalomania del regime nazionalsocialista. Con la sua superficie di undici chilometri quadrati, il complesso era destinato a offrire una scenografia monumentale per l'autocelebrazione del Partito Nazionalsocialista Tedesco dei Lavoratori (NSDAP)..

Proprio nel Palazzo dei congressi (Kongresshalle), l'arena rimasta incompiuta e concepita per ospitare 50.000 persone, ha sede oggi il Centro di documentazione "Dokumentationszentrum Reichsparteitagsgelände". Con il lungo elemento in vetro e acciaio che lo sovrasta, il Centro pone un marcato accento architettonico contemporaneo. Su una superficie di ben 1.300 mq, l'esposizione permanente "Fascino e violenza" si occupa delle origini, dei nessi causali e delle conseguenze della dittatura totalitaria nazionalsocialista. Filo conduttore dell'esposizione è la storia dei congressi annuali di partito, i cosiddetti "Reichsparteitage": gigantesche manifestazioni di massa che furono usate dalla propaganda nazista per mettere in scena la "Volksgemeinschaft", quella comunità popolare tanto cara all'ideologia del partito. Moderni strumenti mediatici come, ad esempio, animazioni al computer, film e touchscreen, nonché fotografie e documenti dell'epoca, illustrano al visitatore sia la funzione degli edifici presenti nel complesso architettonico, sia la storia e il retroterra dei raduni annuali di partito. Un'audioguida permette di ascoltare testi e commenti in sette lingue diverse.

L'offerta museale è completata da un programma didattico e da mostre speciali. In ventitré punti dell'ex area dei congressi di partito sono installate tavole illustrative che dettagliano la storia del sito in tedesco e in inglese.